Chevrolet Orlando Show Car

Print Print   |  Send Email  |  Word   Share Add This  

Con la show car Orlando Chevrolet debutta in un nuovo segmento

  • Un modello che nel 2011 amplierà l'offerta Chevrolet
  • Un monovolume a 7 posti versatile, configurabile con un piano di carico piatto
  • Alimentato da un turbodiesel 2.0 di ultima generazione

La show car Orlando prepara il debutto del nuovo monovolume per la famiglia a sette posti con cui Chevrolet estenderà la propria gamma modelli dalla prima metà del 2011.

"Questo monovolume per la famiglia rappresenterà un'importante arricchimento della nostra gamma e una preziosa opportunità per attrarre nuovi clienti verso il nostro marchio – ha dichiarato Wayne Brannon, Presidente e Managing Director di Chevrolet Europe – Il segmento degli MPV (Multi Purpose Vehicles) costituisce una parte significativa del mercato europeo e in questo contesto noi proporremo una novità attraente in termini di design, praticità e rapporto qualità/prezzo”.

La show car Orlando è ispirata alla berlina media Cruze e introduce in un nuovo segmento il tipico linguaggio stilistico Chevrolet. Orlando ha un profilo marcato e decisamente personale, che abbandona le convenzionali proporzioni dei monovolume grazie a un contrasto più netto tra le linee del cofano e quelle del parabrezza. Invece di una fiancata piatta, i suoi passaruota sono in rilievo e conferiscono ad Orlando un aspetto possente. Oltre a maneggevolezza e guida dinamica, l'architettura della MPV Chevrolet garantisce anche consumi ridotti e una notevole accessibilità.

L'interno della show car a cinque porte è studiato per soddisfare le esigenze di una famiglia tipo e di chi ha necessità di avere molti posti a sedere: gli interni versatili, con tre file di sedili disposte a gradino, possono infatti accogliere comodamente fino a 7 passeggeri. Ma se il trasporto di bagagli dovesse essere prioritario, lo spazioso abitacolo si trasforma rapidamente in un'ampia zona di carico. Il passo generoso, 2.760 mm, e le ampie carreggiate garantiscono a Orlando una spaziosità fuori dal comune.

Il turbodiesel 2.0 di ultima generazione di Chevrolet, un'unità potente ed efficiente, eroga 150 cv/110 kW e 320 Nm di coppia massima.

Un design decisamente personale

Orlando porta con sé i tratti caratteristici del design Chevrolet nel segmento dei veicoli multifunzionali. Il frontale è caratterizzato dalla griglia in due elementi tipica del marchio e da grandi gruppi ottici che si estendono lungo la fiancata, come nella Cruze. Un'altra particolarità è rappresentata dalla la linea di cintura concava, che prosegue lungo la fiancata fino alle luci posteriori avvolgenti.

A questo look del tutto originale si integrano le linee in rilievo dei passaruota: l'immagine d’insieme, con le ruote proiettate all’esterno della carrozzeria, armonizza anche la linea rialzata del tetto. Il tema azzurro ghiaccio dell'illuminazione degli strumenti è utilizzato anche all'esterno di Orlando nelle superfici incise al laser dei gruppi ottici anteriori e posteriori e nel tetto, in cristallo in tutta la sua lunghezza.

All'interno, come in Spark e Cruze, Orlando si caratterizza per il design con cruscotto “sdoppiato” tipico di Chevrolet, con elementi grigio scuro a finitura granulata che si estendono ai due lati del gruppo centrale. L'abitacolo è studiato per soddisfare al meglio le esigenze delle famiglie e di chi non vuole rinunciare alle più diverse opzioni di navigazione, informazione e intrattenimento. In alto, un vano portaoggetti si estende lungo il centro del tetto, assicurando un'utile disponibilità di spazio per i passeggeri posteriori. Le particolarità stilistiche includono un vano centrale per ospitare un lettore mp3 o un altro dispositivo portatile quando questo è connesso alle prese USB o AUX. Ulteriori spazi per riporre oggetti sono ricavati all'interno della consolle sul pavimento, nel bracciolo centrale della seconda fila di posti e, nella parte posteriore, sotto il pavimento.

Il tetto rialzato permette una disposizione dei posti simile a quella di un teatro (a gradino). In questo modo tutti gli occupanti, in particolare i bambini, possono usufruire di una visibilità migliore all'interno e all'esterno.

Un interno adattabile

La notevole misura del passo, 2.760 mm (75 mm in più di quello della berlina Cruze) e le carreggiate anteriori e posteriori maggiorate rispettivamente di 40 e 30 mm garantiscono a Orlando un'abitabilità e una capacità di carico che sono tra le migliori nella categoria degli MPV compatti.

Orlando è una vera sette posti, con spazio per le gambe nella seconda e terza fila rispettivamente di 950 e 753 mm. Gli schienali hanno il dorso protetto da una robusta finitura metallica e possono essere ripiegati a filo del piano per semplificare le operazioni di carico. Il frazionamento 60/40 dei sedili della seconda fila e 50/50 della terza consentono di ottenere un'ampia gamma di configurazioni per il trasporto combinato di passeggeri e carico.

Chevrolet Orlando Show Car

  Galleria fotografica

Video